Patente di guida italiana all’estero

Guidare nel Regno Unito con la patente italiana

Utilizzare la propria patente di guida italiana in UK, è possibile?

La prima domanda che gli automobilisti si pongono andando in un altro paese è generalmente “posso guidare con la mia patente di guida italiana in un altro paese?

Per quanto riguarda l’Inghilterra e il Regno Unito in generale, la risposta è si.

Ma andiamo con gradi e iniziamo con un piccolo test per vedere se possiamo guidare nel Regno Unito con la nostra patente di guida italiana.

Nota bene: Diventi automaticamente residente inglese se stai vivendo in UK da almeno 183 giorni ma puoi guidare anche se sei un visitatore per un periodo limitato. Potrai guidare con la tua patente italiana fino alla età di 70 anni.

Purtroppo le patenti italiane hanno una validità molto inferiore a quella inglese (infatti la mia patente inglese è valida fino al 2051, quando avrò compiuto 60 anni). In questo caso sarà una tua scelta se rientrare in Italia e rinnovare la tua patente italiana oppure convertirla in patente GB.

Convertire la patente italiana in patente inglese

Se la tua patente italiana è in prossimità di scadenza puoi infatti decidere di rinnovarla o convertirla con una patente inglese. Nonostante sia possibile guidare con una patente italiana in UK, avere una patente inglese ha i suoi vantaggi.

Per prima cosa ti consigliamo di recarti sul sito del governo dove ti sarà chiesto di rispondere a qualche domanda per sapere se nel tuo caso specifico sia necessario o meno convertire la patente.

Exchange a foreign driving licence - TEST

Tutti i cittadini europei possono guidare nel Regno Unito con la propria patente, sia che siano di passaggio o residenti.

Puoi convertire la tua patente italiana in patente inglese solo se sei residente in Gran Bretagna (ossia se trascorri più di 185 giorni di seguito nel paese). Convertire la tua patente italiana non è obbligatorio: per legge tutte le patenti rilasciate da uno stato membro dell’unione europea sono valide in Inghilterra (nel caso di una patente non europea, hai un anno per convertirla).

Ci sono però delle regole da rispettare:

  • Se sei residente in Inghilterra e hai compiuto 68 anni puoi guidare con la tua patente italiana B per tre anni prima di dover richiedere una patente inglese;
  • A partire dai 70 anni di età dovrai obbligatoriamente convertire la tua patente italiana in inglese.
  • Se hai la patente per i bus o pullman, chiamata Driver Certificate of Professional Competence (CPC),  hai l’obbligo di convertire la patente italiana – anche qua ci sono delle informazioni che devi assolutamente sapere se vuoi guidare bus, pullman, camion o mezzi speciali nel Regno Unito (informazioni nel paragrafo sulle patenti speciali).

Come convertire la patente A e B

Il processo di conversione della patente è molto rapido: basta compilare e inviare il modulo D1, il driving licence form, che troverai sul sito della DVLA, insieme alla tua patente italiana e a un documento d’identità (solo originali), ed effettuare un pagamento di £43. Riceverai la tua nuova patente inglese entro tre settimane dall’invio della domanda, che può essere effettuata online o recandoti a un ufficio postale (nota bene: non riceverai indietro la tua patente italiana). Queste informazioni valgono per i titolari delle patenti A e B.

Come convertire patenti speciali

Per guidare gli autobus, come i famosi double deckers, dovrai inviare dei moduli supplementari, i D2 e D4, e sottoporti a delle visite mediche. Convertire la patente in questo caso è obbligatorio, e per guidare autobus e camion in Inghilterra avrai bisogno di munirti del CPC, il Driver’s Certificate of Professional Competence, che riceverai dopo aver passato quattro esami. Dovrai rinnovare la tua patente ogni cinque anni fino a 65 anni, e sottoporti a 35 ore di pratica. A partire dai 66 anni dovrai rinnovare la patente ogni anno.

Quando sei obbligato a convertire la tua patente speciale?

  • Hai meno di 45 anni: Puoi guidare nel Regno Unito con la tua patente italiana fino all’età di 45 anni. Raggiunti i 45 anni devi convertire la tua patente. La tassa di conversione nel 2020 è di £43. Devi compilare il modulo D2 e informare la DVLA entro i 12 mesi dalla data in cui sei diventato residente.
  • La tua età è tra i 45 e i 66 anni:  Puoi guidare nel Regno Unito con la tua patente italiana fino all’età di 66 anni. Raggiunti i 66 anni devi convertire la tua patente. La tassa di conversione nel 2020 è di £43. Devi compilare i moduli D2 e D4 (visita medica) e informare la DVLA entro i 12 mesi dalla data in cui sei diventato residente.
  • Hai più di 66 anni: Devi convertire la tua patente. La tassa di conversione nel 2020 è di £43. Inoltre devi compilare i moduli D2 e D4 (visita medica).

Tutte le informazioni sopracitate sono valide per la Gran Bretagna (ossia Inghilterra, Scozia e Galles). Nell’Irlanda del Nord, al posto della DVLA dovrete contattare la DVLNI (Driver Vehicle Licensing Northern Ireland).

Nota bene: Se hai conseguito la tua patente in uno dei paesi non in lista (chiamati others) allora non puoi convertire la tua patente in patente inglese e puoi guidare nel Regno Unito con la tua patente per 12 mesi. Scaduti questi 12 mesi dovrai richiedere una nuova patente.

Nonostante tu non debba obbligatoriamente convertire la tua patente italiana (patenti A e B), può rivelarsi conveniente averne una inglese: le assicurazioni sono infatti spesso molto più economiche per i titolari di una patente inglese.

Come conseguire la tua prima patente di guida?

Hai compiuto 16 anni e vuoi iniziare a guidare la macchina? Allora puoi richiedere il foglio rosa. Solo quando avrai finalmente hai compiuto 18 anni potrai iniziare le pratiche per ottenere la tua patente di guida: guida passo passo per ottenere la patente di guida.

Ho bisogno di una assicurazione?

È obbligatorio avere una assicurazione per poter guidare un veicolo nel Regno Unito anche se starai per un breve periodo (non hai bisogno di fare una assicurazione a parte se decidi di affittare una macchina in quanto l’affitto include già una assicurazione di base).

Ci sono 3 tipi di assicurazione:

  1. Third party cover: questa è l’assicurazione di base che copre i danni alla macchina dell’altro conducente ma non al tu veicolo.
  2. Third party, fire and theft: molto simile alla prima opzione, questa aggiunge un grado di protezione maggiore.
  3. Comprehensive cover: copre i danni a entrambi i conducenti quindi risulterà essere più costosa (anche la più consigliata).

Se stai portando la tua macchina dall’Italia e vuoi guidare in UK, assicurati di avere una copertura assicurativa valida. La tua agenzia di assicurazioni dovrebbe fornirti un certificato tradotto in inglese che confermi il tuo livello di protezione.

In caso tu voglia cambiare la tua assicurazione italiana con una inglese, l’assicurazione inglese potrebbe richiederti un documento ufficiale rilasciato dalla tua assicurazione italiana che confermi appunto il tuo grado di protezione. In questo caso, dimostrare di avere avuto una assicurazione nel tuo paese, soprattutto se non hai avuto incidenti negli ultimi anni, contribuirà ad avere dei prezzi decisamente più bassi.

Durante la procedura di registrazione della tua nuova assicurazione, avrai la possibilità di selezione per quanti anni non hai commesso degli incidenti (No Claims Bonus).

Se deciderai di comprare una nuova macchina nel Regno Unito allora dovrai avere una assicurazione inglese.

Un altro modo per ottenere dei prezzi vantaggiosi è quello di convertire la tua patente da italiana a inglese. Le assicurazioni tendono a offrire dei prezzi molto più convenienti a chiunque abbia una patente inglese (ricorda che per convertire la patente italiana devi essere residente nel Regno Unito da almeno 6 mesi)

No, che tu sia residente inglese o semplicemente stia visitando la Gran Bretagna per un periodo limitato, potrai guidare con la tua patente italiana fino all’età di 70 anni, ovviamente dovrai verificare la scadenza della tua patente ed eventualmente rinnovarla.

Convertire la patente da italiana a GB costa £43.

Una volta inviati tutti i documenti dalla DVLA (motorizzazione inglese) riceverai la nuova patente entro circa 3 settimane.

I documenti richiesti sono: (da inviare alla DVLA)

  • modulo D1 (scarica il modulo)
  • patente italiana (si esattamente, devi inviare la tua patente italiana)
  • eventualmente due fotografie (maggiori informazioni saranno dettagliate nel modulo D1)

In termini di convenienza di per sé non cambia nulla. Potresti tuttavia pagare di piú per la tua assicurazione. Infatti tendenzialmente, le assicurazioni inglesi sono più care anche di oltre il doppio per chi possiede una patente non inglese

Non esiste una assicurazione che possa essere considerata quella corretta. Così come in Italia, puoi scegliere l’assicurazione per la macchina in base alle tue esigenze e costi

Puoi decidere di usare la patente inglese oppure puoi convertirla di nuovo in patente italia. Per maggiori informazioni visita il sito dell’Aci

Se hai perso la patente leggi l’articolo dedicato e scopri come fare.

Se hai qualche domanda relativa alla patente di guida italiana o semplicemente vuoi darci qualche suggerimento, scrivi nell’apposita sezione commenti qua sotto.

Trasporti Londra: le corriere

Utilizzare bus in Inghilterra

Trasporti: Le corriere

Se vivi nel Regno Unito oppure sei solamente in vacanza, un modo economico per viaggiare all’interno del paese e in Europa è costituito dalle corriere. Di certo per viaggiare con questi mezzi avrai bisogno di più tempo rispetto a treni o aerei. Ti assicuro, però, che se hai la giusta dose di tempo a disposizione, voglia di avventura e pochi soldi nel portafogli, il viaggio in corriera è quello che fa per te. In Inghilterra fortunatamente ci sono molte compagnie di corriere che effettuano viaggi sia all’interno del Regno Unito che all’estero, verso altri paesi Europei. Tutte quante offrono un servizio pulito e puntuale, e in questo articolo, ti offrirò tutte le informazioni necessarie per scegliere la compagnia più adatta a te e al tuo prossimo viaggio.

Breve storia delle corriere nel Regno Unito

Il mercato delle corriere fu liberalizzato con il Transport act nel 1980. Questo portò alla creazione di differenti compagnie di corriere, molte delle quali vennero poi assorbite dalla National Express, mentre altre iniziarono una piccola competizione per conto loro. Fra tutte, nel 2003, si distinse la Megabus che iniziò a farsi spazio nel mercato garantendo un ottimo rapporto qualità/ prezzo.

Da allora altre compagnie sono nate, occupandosi di collegamenti  non solo interni. Di seguito la lista delle principali compagnie di corriere da utilizzare dal e per il Regno Unito.

Migliori corriere nel Regno Unito:

  • National express: È la compagnia di buses più antica e connette soltanto nel territorio inglese più di 900 destinazioni. I costi sono abbastanza contenuti, ad esempio un viaggio da Londra a Edimburgo si aggira intorno alle 30 sterline, ma è possibile trovare anche prezzi più bassi se si prenota con largo anticipo. Questa compagnia si occupa anche dei collegamenti fra gli aeroporti di Londra e il centro città, per maggiori informazioni sui trasferimenti dagli aeroporti leggi l’articolo sugli aeroporti. Inoltre la National Express effettua viaggi anche verso l’Europa continentale.
  • Megabus: La seconda compagnia inglese, ha tariffe veramente vantaggiose. È possibile, se si prenota con giusto anticipo, trovare biglietti anche a 1£. Un viaggio da Londra a Edimburgo si aggira tra le £15 e £25 sterline, i prezzi variano in base alle date e agli orari.
  • Flixbus: Grazie alle tariffe low cost, questa compagnia sta diventando una leader nel settore di viaggi in corriera per l’Europa. Ad esempio è possibile viaggiare con sole £19 sterline da Londra a Parigi.
  • Terravision: Una compagnia tra le più economiche a Londra. In questo caso cheap (economico) non significa bassa qualità anzi, Terravision lavora benissimo con corriere nuove, pulite e sempre puntuali.

Siti dove trovare le migliori offerte

I prezzi dei viaggi variano a seconda di molti fattori: data, orario, possibili offerte, e anticipo con cui si prenota. Per questo motivo, a volte, è conveniente affidarsi a siti che fanno il lavoro di comparare i diversi prezzi e orari per te. Qui sotto ne ho scelti due, che ritengo essere i migliori per quanto riguarda la comparazione di prezzi e orari per i viaggi in corriera. Inoltre entrambi i siti offrono la possibilità di comparare non solo i bus, ma anche aerei, treni e car sharing (servizi come Bla Bla car).

Spero quindi di averti fornito tutte le informazioni necessarie per organizzare il tuo prossimo viaggio in corriera. Per qualsiasi domanda o dubbio, lascia un commento qui sotto, saremo felici di risponderti al più presto!

Trasporti Londra: i bus urbani

Autobus urbano rosso di Londra

Trasporti di Londra: I bus cittadini

I bus di Londra, rossi e, a uno o a due piani, oltre a costituire un simbolo della capitale inglese che affascina milioni di turisti provenienti da tutto il mondo, rappresenta un modo conveniente e suggestivo di girare la città. Infatti questo mezzo di trasporto, seppur in media lievemente più lento rispetto alla metro londinese, permette di ammirare tutte le bellezze che Londra offre. Quindi, se sei in vacanza nella capitale britannica oppure ci vivi, ma non hai ancora presente la sua conformazione geografica, ti consiglio di usarli per godere di un’esperienza londinese ad hoc e aumentare la tua conoscenza della città.

Di seguito, in questo articolo, ti fornirò tutte le informazioni necessarie per usare al meglio i bus cittadini di Londra.

Bus di Londra: Storia e informazioni generali.

L’origine dei bus londinesi risale al lontano 1829, quando George Shillibeer iniziò un servizio omnibus con carrozza a cavalli che trasportava i cittadini da Paddington alla city del tempo. Nel 1850 Thomas Tilling iniziò il suo servizio di bus a cavallo. Cinque anni più tardi venne fondata la General Omnibus Company (GOC) con lo scopo di regolare i servizi di autobus a carrozza di Londra. Il primo bus a motore nacque nel 1902 e sempre in quegli anni la GOC, per distinguersi da altri servizi bus che nascevano, decise di colorare i propri bus di rosso. Negli anni successivi molti furono i modelli che si susseguirono fino alla nascita dei famosi double deckers londinesi, gli autobus a due piani, che tutti noi conosciamo.

Al momento la LTD London Buses è una divisione della Transports for London. Il servizio di autobus è uno dei più grandi al mondo, infatti Londra possiede 8.000 bus che si destreggiano fra le sue 700 linee che servono ben 19.500 fermate, trasportano più di sei milioni di passeggeri al giorno.

Bus di Londra: Mappa e app dedicate alla mobilità

Data la grandezza del servizio e del numero di linee, non esiste una mappa che raccolga insieme tutte le linee dei bus di Londra. Quindi per evitare di perdersi è consigliabile usare:

  • Spider maps: Sono mappe suddivise per quartieri e che permettono un’ottima comprensione delle tratte del quartiere interessato.
  • Mappa generale: Questa è una mappa di bus di Londra generica ma limitata solo al centro della città.
  • Citymapper: Questa app è disponibile per Android e Apple. Consente di muoversi con molto facilità non soltanto fra i bus, ma anche fra gli altri mezzi di trasporto cittadino.

Inoltre, sempre per un fattore di orientamento, è necessario sapere che le fermate dei bus sono nominate con le lettere dell’alfabeto, quindi si avrà lo stop H o lo stop L. Presso numerosi stop, e’ spesso indicata la posizione delle altre fermate circostanti e quali corse trovano una coincidenza con esse.

Bus cittadini di Londra: costi e metodi di pagamento

Da qualche anno non è più possibile acquistare il biglietto sul bus come un tempo. Quindi per pagare la corsa sul bus bisognerà usare:

  • Oyster Card: una carta prepagata, per saperne di più (link articolo)
  • Contactless: È possibile pagare le corse in bus con la carta di credito contactless e altri servizi contactless come Google Pay e Apple Pay direttamente con il tuo cellulare. Basterà poggiare la carta o il cellulare con l’app relativa a questi metodi sul lettore giallo che trovi all’entrata del bus.
  • Paper tickets: Sono biglietti cartacei che si possono fare alle stazioni metro. Questi si devono mostrare ai conducenti del bus quando si sale sul mezzo.
  • Hopper (in vigore dal settembre 2016): questa permette di fare viaggi illimitati su altri bus e tram all’interno dell’ora successiva al primo tap in (quando si poggia la carta sul lettore giallo). Quindi se si fa il tap in alle 12, sarà possibile scendere e prendere quanti bus si desidera fino alle 13 al costo di una sola corsa.

I bus di Londra sono più economici rispetto alla metro. Il costo di una corsa sui bus con la Oyster o con qualsiasi metodo contactless è £1.50, mentre il capping giornaliero è di £ 4.50 e quello settimanale è di £21. 50. Il capping è il limite di spesa addebitato per un giorno o settimana. Le travelcard che si caricano sulla Oyster settimanali o mensili valgono sia per la metro che per i bus. Come del resto alcuni abbonamenti cartacei con foto tessera includono treni, tube e bus. Per questo motivo è sempre utile consultare il sito del TFL.

Bus Londra: Bus notturni

Londra possiede un’ottima rete di bus notturni, molte linee fanno servizio 24/h e i bus notturni vengono indicati con una N davanti al loro numero.

È importante consultare la rotta dei bus notturni alle fermate del bus o tramite app perché quelli che non fanno servizi 24/h potrebbero avere tragitti simili ma non esattamente identici al loro corrispettivo giornaliero.

Speriamo di avervi fornito informazioni utili e interessanti e ti invitiamo a scriverci per qualsiasi ulteriore informazione o domanda.

Trasporti Londra: i treni

Treno alla stazione di Londra

Trasporti: i treni in UK

Il servizio ferroviario inglese è il più antico del mondo. Il primo vagone venne infatti costruito nel lontano 1560. Ad oggi il sistema ferroviario è suddiviso in sette regioni, con Londra come punto di snodo della viabilità ferroviaria. Il sistema ferroviario britannico con le sue 2500 stazioni copre tutto il territorio nazionale, offrendo un servizio generalmente preciso e capillare.

Per chi viaggia per piacere, questo mezzo di trasporto unisce il fascino dell’avventura del viaggio su binari alla possibilità di godersi le bellezze delle verdi campagne inglesi, senza dimenticare tutti i confort dei viaggi in treno di ultima generazione.

Per i pendolari rappresenta spesso l’unico collegamento possibile con centri economici e culturali come Londra e Birmingham altrimenti non facilmente raggiungibili dai paesi nel loro hinterland. In questo articolo ti forniremo tutte le informazioni necessarie per pianificare al meglio il tuo viaggio in treno nel Regno Unito e in Europa.

I biglietti del treno nel Regno Unito

La National Rail è il Network di compagnie del settore ferroviario che comprende alcune compagnie private come la Virgin e alcune affidatarie del servizio, come la Southern, Northern. I biglietti per un viaggio in treno all’interno del Regno Unito si possono acquistare presso tutte le stazioni ferroviarie e sul sito del National Rail. Questo secondo metodo è consigliato perché permette di trovare sconti e promozioni, soprattutto se i biglietti vengono acquistati con largo anticipo. Ora ti elencherò alcune delle tariffe scontante che possono essere comprate sul sito della National Rail.

Come ottenere degli sconti quando viaggi in treno

  • Rail cards: Sono abbonamenti regionali o nazionali che offrono uno sconto, solitamente 1/3 del prezzo pieno del biglietto. Per saperne di più clicca qui.
  • Sconto di gruppo: molte compagnie offrono uno sconto fino al 25% per gruppi non inferiori alle 3 persone e non superiori alle 9 persone. Viene richiesto alle parti del gruppo di viaggiare insieme per tutto l’itinerario scelto. Per maggiori informazioni clicca qui.
  • Bambini: fino ai 5 anni di età se accompagnati da un adulto pagante viaggiano gratis. Invece i bambini dai 5 ai 15 anni hanno un sconto del 50 % sul prezzo pieno del biglietto applicabile a quasi tutte le compagnie.
  • Off peak: viaggiare in alcuni orari, diversi da quelli dove i viaggiatori più frequenti sono pendolari, permette l’accesso a tariffe scontate rispetto al prezzo pieno della tratta.

Informazioni generali

Servizi disponibili sui treni:

  • Prima classe.
  • Wi-Fi e prese per ricaricare sia cellulari che PC.
  • Ristorante.
  • Prenotazione dei posti anticipata.

È possibile verificare quali di questi servizi sono presenti sul treno scelto al momento della prenotazione sul sito della National Rail.

Disabilità:

  • In caso di necessità e di richiesta di aiuto è necessario comunicarlo con una nota alla compagnia almeno 24h prima.
  • Gli addetti al servizio possono scortare il viaggiatore alla sua partenza e al suo arrivo.
  • Per viaggiatori con mobilità ridotta sarà disposta una rampa che aiuti la persona per la salita e la discesa dal vagone.

Valigie:

  • I passeggeri possono portare fino a tre valigie a titolo gratuito, due grandi e una piccola.
  • Altri oggetti, come attrezzature da sport, sono invece tassati.
  • Il listino delle tariffe per eventuali articoli extra può essere consultato alle stazione dei treni oppure sul sito della National Rail.

Collegamenti Ferroviari fra il Regno Unito e l’Europa

Ci sono diversi collegamenti ferroviari che uniscono Londra con il vecchio continente. Le località facilmente raggiungibili in treno sono in particolare:

  • Parigi: I treni per Parigi partono dalla stazione di San Pancreas Station tutti i giorni. La durata del viaggio è di due ore e mezzo, mentre il costo varia in base a fattori come il giorno, l’orario e quanto tempo prima si prenota il biglietto. Il minimo è di £30.
  • Bruxelles/Amsterdam: I treni per Bruxelles / Amsterdam partono anche essi da San Pancreas Station tutti i giorni. Il viaggio dura due ore fino alla capitale belga e una mezz’ora addizionale per quella olandese. Il costo si aggira intorno ai £100. Anche in questo caso l‘orario, la data e quanto tempo prima si acquistano i biglietti influenzano il costo del servizio.

Per prenotare i biglietti per queste tratte puoi andare sul sito dell’Eurostar, la compagnia che offre questi servizi, oppure su Trainline. Questo sito compara tutte le soluzioni di viaggio su ferro possibili. Inoltre, sempre su questo sito, è possibile controllare se si hanno a disposizione date flessibili per poter scegliere il giorno in cui il viaggio costa meno.

Il mio treno ha fatto ritardo, posso ottenere un rimborso?

Una cosa fantastica che apprezzo molto del Regno Unito sono i servizi, la loro precisione e dedizione al lavoro degli inglesi stessi. Gli inglesi sono sempre i numeri uno quando si tratta di offrire un servizio. E un esempio è proprio Trainline che si ripromette di rimborsarti qualora i treni facciano un ritardo superiore ai 15 minuti. Ora, solo per farti sorridere o inorridire, immagina cosa accadrebbe alle Ferrovie dello Stato se dovessero rimborsarci per ogni 15 minuti di ritardo?

Speriamo di averti fornito tutte le informazioni necessarie per organizzare un indimenticabile viaggio in treno. Per qualsiasi domanda ti invitiamo a lasciare un commento qui sotto.