Come scegliere la migliore compagnia di Wi-Fi nel Regno Unito nel 2021

Wifi immagine

La guida per scegliere la compagnia di WiFi inglese migliore per te

Scegliere il miglior servizio Wi-Fi del Regno Unito non è semplicissimo perché bisogna prendere in considerazione diversi parametri, che variano fondamentalmente in funzione delle esigenze personali e della copertura di rete della tua zona. Quindi per qualcuno il miglior servizio potrebbe essere rappresentato da una compagnia diversa rispetto a un altro. Potrebbe essere BT o Virgin o SKY Broadband o Vodafone o Talk Talk o Glide o Post Office ecc.

Per qualcuno è indispensabile avere una linea internet a basso costo, per qualcun altro è importante una connessione WI-FI stabile e veloce, per un altro conta soprattutto la velocità in upload; per chi consuma tanti giga un abbonamento senza limiti è indispensabile, per chi fa uso di internet fondamentalmente per consultare pagine web e social è sufficiente un semplice pacchetto dati prepagato o un abbonamento a consumo.
Se hai le idee più confuse di prima, non preoccuparti, è normale, soprattutto per te che sei nel Regno Unito da poco tempo e non conosci bene i gestori di telefonia e internet inglesi. Vediamo quindi assieme come scegliere la migliore linea WI-FI per te.

Quali sono gli step da seguire per scegliere il miglior servizio Wi-Fi del Regno Unito per te?

Per prima cosa bisogna capire quali sono i tuoi punti fermi. Una linea veloce, un abbonamento flessibile, un servizio WI-FI economico, un buon servizio clienti, una copertura stabile

Per chi ama una connessione internet veloce.
Supponiamo che tu ogni giorno debba scaricare velocemente dei file di grandi dimensioni o guardare tanti video o controllare continuamente la posta elettronica e scaricare degli allegati pesanti in tempi rapidi. In tal caso hai bisogno di una buona velocità di trasmissione, per cui sarebbe ottimale avere la fibra ottica, oramai disponibile presso la gran parte degli operatori. Secondo le tue esigenze dovrai anche valutare il tipo di fibra ottica, es. 100, 500, 1000 Mbps. I Mbps o megabit sono l’unità di misura della capacità di trasmissione dati e in base al suo valore ti fai un’idea della velocità di connessione. Per es. se il tuo obiettivo è guardare film in streaming senza correre il rischio di vederli rallentare o interrompersi, una fibra ottica di 100 mega è sufficiente. Se invece hai necessità di visionare tanti video in Ultra HD su YouTube, oppure far girare più video contemporaneamente da più apparecchi (computer, smartphone, TV), i tuoi 100 mega diventano stretti. Inoltre devi considerare che quasi mai il valore associato alla proposta commerciale (velocità nominale) corrisponde quello reale, anzi quasi sempre è molto inferiore, come d’altronde anche in Italia.
I motivi che determinano la reale velocità di una trasmissione WI-FI sono influenzati da tantissimi fattori: cavi usurati o danneggiati, qualità della linea tra te e l’armadio più vicino sulla strada, distanza tra la tua casa e la centrale locale, attenuazione del segnale dovuto alla distanza, canale di trasmissione, presenza di interferenze, affollamento di utenti connessi, tipo di tecnologia utilizzata (FTTH, GPON, FTTN, ADSL), tipo di router, caratteristiche hardware del computer o dello smartphone ecc.

Purtroppo il Regno Unito è ancora molto indietro per quanto riguarda la copertura dalla linea veloce, basti pensare che solo l’otto percento del territorio nazionale può usufruire di una connessione con la fibra ottica. La velocità della tua connessione internet quindi varierà fondamentalmente in base al tuo provider e alla tua posizione geografica. In media la velocità di download si aggira tra i 15Mbps e 78Mbps. Durante le ore di punta, specialmente la sera e nei weekend, la velocità massima si riduce, per cui – per te cui tieni tanto alla velocità – ti suggerisco di verificare bene il servizio offerto, soprattutto la velocità minima garantita. Ebbene si, a differenza di noi, i provider inglesi possono garantire contrattualmente una velocità minima. Ciò è reso possibile grazie al Web Traffic Management, il controllo del traffico internet.

Il consiglio è quindi quello di verificare per quanto possibile queste informazioni prima di prendere una decisione sulla base dell’offerta commerciale. Fortunatamente esiste uno strumento utilissimo e molto semplice che ti consente di fare una prima e abbondante scrematura. Vai nel sito internet Uswitch e inserisci il tuo indirizzo per verificare la copertura di rete della tua zona legata ai provider disponibili.

Dopo aver verificato la copertura nella mia zona che cosa devo fare?

Ora non ti resta che comparare i vari gestori di telefonia disponibili e scegliere quello che rispetta i parametri per te più importanti. Prima però di scegliere con quale compagnia sottoscrivere l’abbonamento, è bene fare un’attenta ricerca.

Valutazione del contratto.
Alcuni contratti a banda larga durano ancora 12 mesi, ma i provider cercano sempre più di spingere nuovi clienti verso accordi di 18 mesi o addirittura di due anni. Potrebbe andare bene se sei soddisfatto del servizio, ma se volessi interrompere il contratto per passare a un fornitore più veloce o più economico, potresti dover aspettare una lunga attesa poiché le penali di disdetta anticipata, come anche in Italia, non sono affatto economiche.
Tuttavia, grazie alle normative Ofcom, puoi recedere dal contratto entro il primo mese nel caso il tuo provider non riesca a fornire la velocità minima garantita.
Fai attenzione anche ciò che accade alla scadenza del tuo contratto: verifica che non vi sia un rinnovo automatico, perché alcuni provider aumentano il prezzo. Nel caso questo accada, e la tua intenzione è però quella di rimanere un loro cliente perché ti sei trovato bene, ti suggerisco di contattarli e manifestare la tua intenzione di passare a un altro operatore. Generalmente la trattativa è negoziabile.

Valutazione della qualità del servizio.
Le velocità per molti è fondamentale, ma attenzione a non farti abbagliare dall’offerta commerciale perché spesso è ingannevole. Un po’ come succede da noi, tutto il mondo è paese. A volte una frase come “fino a 1000 mega” può influenzarci a tal punto da indurre la nostra attenzione esclusivamente sul numero senza approfondire i dettagli.
Ti suggerisco di dare uno sguardo al sondaggio Best Broadband Awards, un rapporto annuale di soddisfazione dei clienti a banda larga di Ofcom basato sui dati registrati dagli utenti in termini di velocità, medie di download e upload e affidabilità della connessione.
Chi è Ofcom? Ofcom (Office of Communications) è l’autorità competente e regolatrice indipendente per le società di comunicazione nel Regno Unito. Per contribuire a portare un po’ di trasparenza e chiarezza nelle prestazioni dei fornitori di banda larga, Ofcom ha unito le forze con le autorità di regolamentazione dei settori dell’acqua, dell’energia e delle banche come parte della rete dei regolatori del Regno Unito (UKRN) per rilasciare schede di valutazione delle prestazioni per i rispettivi settori. Per es. nel Best Broadband Awards 2021 il primo posto se l’è aggiudicato Zen, con clienti più soddisfatti in ogni categoria rispetto a qualsiasi altro provider e un numero maggiore di clienti soddisfatti totali.

Plusnet si è classificata al primo posto ai Best Broadband Awards dello scorso anno, vincendo nelle categorie Affidabilità e Rapporto qualità-prezzo, per poi tornare a casa con il Premio generale. Quest’anno è sceso in basso nelle classifiche, ma sembra ancora buono, con Altamente Raccomandato per Affidabilità e Valore.

Essendo il più grande utente della rete Openreach, non sorprende che BT sfrutti le sue tecnologie più all’avanguardia, rendendolo una buona opzione se vivi in ​​un’area con tecnologie G.Fast o Full Fiber disponibili. Con velocità comprese tra 145Mbits e 900Mbits, BT ha prestazioni più che sufficienti per lo streaming di giochi o video 4K, anche nel caso vi sia qualcun altro in casa che consuma larghezza di banda.
BT ha anche migliorato i suoi giochi quando si tratta di affidabilità e soddisfazione del cliente, ottenendo un premio altamente raccomandato per l’affidabilità nel 2020 Best Broadband. BT sta andando nella giusta direzione e sicuramente è da prendersi in considerazione se si desidera una connessione in fibra più veloce e più stabile di quella offerta dagli altri marchi. Il router compreso nel servizio di BT è considerato il migliore in assoluto, non a caso è la compagnia più scelta dalle aziende.

Un’altra compagnia che fornisce Wi-Fi nel Regno Unito è Sky. Il colosso televisivo multinazionale dopo aver acquistato negli anni i servizi domiciliari offerti dalla compagnia telefonica O2, ha cominciato a portare nelle case dei telespettatori anche la linea internet. La velocità stimata è di 104Mbps fornendo così un duplice servizio, il quale risulta caro se paragonato alle compagnie concorrenti di servizi televisivi.
Sky ha un’ottima reputazione in fatto di servizio clienti e servizio affidabile. Ora introdotto le chiamate gratuite in alcuni dei suoi pacchetti, il che potrebbe aumentare il valore per alcuni utenti.

Vodafone invece possiede la capacità di viaggiare a 900Mbps, e concede anche la possibilità di poter avere offerte per telefonia mobile molto vantaggiose, oltre all’avere Apple TV in 4K.

Virgin Media invece è presente solo nelle città e non nelle zone periferiche. Possiede una linea propria che consente la canalizzazione del flusso dei dati in fibre che reggono l’effettiva velocità di oltre 1Gbps (1104Mbps). Nei vari pacchetti che offre troviamo TV, telefonia fissa e telefonia mobile. La Virgin è una delle pochissime compagnie che offrono servizi internet senza il telefono incluso.

EE ha vinto tre premi altamente encomiati ai Best Broadband Awards di quest’anno. Gli utenti sono stati particolarmente soddisfatti delle sue alte velocità e hanno valutato la loro connessione con un ottimo rapporto qualità-prezzo. Dopo Zen, ha avuto il maggior numero di clienti soddisfatti e molto soddisfatti nel sondaggio e un impressionante 85% dei clienti lo consiglierebbe a un amico.

Esiste però anche la possibilità di scegliere le compagnie così dette cheap, come Hyperoptic, che sta percorrendo un’ottima strada grazie ad un miglioramento delle infrastrutture avvenute nel corso di questi due anni.

La maggior parte degli internet provider offre anche servizi telefonici e TV, per cui ti suggerisco di considerare anche le condizioni per le chiamate telefoniche e i canali TV perché un pacchetto potrebbe farti risparmiare denaro. Alcuni fornitori offrono anche offerte speciali sui dati mobili, che vale la pena tenere a mente per un eventuale contratto di telefonia mobile.

Considerazioni finali

Mi auguro di esserti stato utile con queste brevi informazioni, e spero soprattutto di averti trasmesso il messaggio che prima di scegliere il fornitore di servizi internet nel regno Unito, è opportuno valutare diversi fattori senza fretta.

Telefono Dual Sim: cosa usare

Quale telefono dual sim usare

Quanti cellulari devo comprare quando vado in viaggio?

Spesso è il dilemma che ci accompagna nei primi mesi dalla tua partenza e sempre finisce in un modo: metteremo il numero italiano da parte.

Prima di introdurre il discorso sul cellulare dual sim vorrei farti immaginare due piccoli scenari:

Primo scenario:

Sei pronto per partire, hai preparato la valigia, hai preso il carica batteria del tuo telefono (quello principale con la tua sim italiana), hai chiuso la valigia con tutte le tue cose dentro, controlli ora se hai preso il secondo telefono e il secondo caricabatterie. Ti controlli le tasche, vedi se hai il portafoglio, i soldi, i documenti e il cellulare… e poi poco prima di partire controlli di nuovo di avere il telefono principale e il cellulare di riserva, quello dove metterai la sim inglese.

Arrivi in UK, smonti la valigia, controlli prima il telefono principale poi quello secondario, verifichi che qualcuno ti abbia scritto, i tuoi genitori sul cellulare principale e una eventuale chiamata per un lavoro sul nuovo numero inglese. Sistemi tutte le tue cose, metti in carica il cellulare principale e poi quello secondario. E durate tutta la giornata, ogni volta che uscirai e rientrerai a casa guarderai prima il telefono principale e poi quello secondario. E andrà avanti così per circa 6 mesi fino a che vedrai che tutte le chiamate e messaggi arriveranno sul numero inglese (perché anche dall’Italia tutte le chiamate le riceverai solo su WhatsApp, indipendentemente dalla scheda utilizzata) fino a che non abbandonerai completamente il numero italiano e passerai la sim inglese dal cellulare secondario al cellulare primario. La scheda italiana la controllerai forse una volta al mese, fino a che andrà a morire da sola.

Secondo scenario

Sei pronto per partire, hai organizzato tutte le cose, ti assicuri di avere il tuo cellulare, il caricabatterie, i tuoi documenti e vai verso l’aeroporto. Arrivi in UK, hai ancora la sim italiana inserita e vuoi verificare il numero inglese. Spegni il telefono, sfili la sim, prendi la sim inglese e la inserisci nel telefono. Accendi e vedi se hai ricevuto messaggi. Non ne hai. Allora rispegni il telefono, togli la sim inglese e rimetti quella italiana. Niente messaggi. Passeranno poche ore, avrai ancora la sim italiana dentro il telefono e vorrai di nuovo verificare il numero inglese. Allora ricomincerai, spegni telefono, sfila sim, metti altra sim e riaccendi.

Sai già che scheda SIM utilizzare nel Regno Unito? noi abbiamo scelto giffgaff

Nel frattempo nei giorni successivi inizierai a conoscere qualche persona, scambierai il numero di telefono ma non più quello italiano, non sei più in Italia, quindi darai il tuo numero inglese. Saranno i tuoi nuovi amici, conoscenti, compagni di casa, titolare di lavoro. Controllare il numero inglese inizierà a prendere la priorità sul numero italiano. Quindi ora invertirai le sim, quella inglese la lascerai nel telefono principale più a lungo di quella italiana che ogni tot ore, tot volte al giorno, rimetterai nel telefono per controllare se i tuoi amici e genitori ti hanno scritto.

Continuerai così forse 6 mesi, ti stancherai presto di fare accendi-spegni del telefono e anche in questo caso, la tua sim italiana verrà messa in un cassetto e quasi non la controllerai più.

In entrambi in casi, il tuo numero di telefono inglese diventerà il tuo numero principale. Anche se potessi usare il tuo numero italiano in roaming, anche se avessi ancora la promozione italiana “fighissima”. Piano piano il tuo numero italiano non lo userà più nessuno, nemmeno dall’Italia.

In entrambi gli scenari sembra essere molto faticoso, noioso e frustrante tenere sotto controllo due telefoni o anche uno solo dovendo cambiare una sim e poi l’altra.

Ed è proprio nel momento di maggior fastidio che, uscendo di casa e passando davanti a un negozio, scopri un telefono che forse fino a poche settimane prima non avevi mai apprezzato, ti sarai perfino chiesto perché un telefono possa avere un doppio slot per infilare due sim. I tuoi occhi si illuminano e senza pensarci su, apri la porta del negozio e come se fosse un pollo con le patatine arrosto, sbavi sul cellulare e chiedi il conto al commesso.

Uscirai allora dal negozio con il tuo nuovo telefono dual sim, felice come un bambino, non vedendo l’ora di poter smettere di guardare i due telefoni o di sostituire in continuazione le due sim.

A proposito di Roaming, come funziona il Roaming in Europa?

Il Roaming Europeo così come lo conosciamo oggi, è stato introdotto in Europa nel giugno 2017. Da quel momento in poi, è possibile utilizzare la nostra promozione o piano telefonico italiano all’estero, nei paesi aderenti, senza alcun costo aggiuntivo, esattamente come se ci trovassimo ancora in Italia. Potremo infatti navigare su internet o chiamare numeri italiani secondo quanto previsto dal nostro piano tariffario senza extra costi. L’accordo sul Roaming EU prevede che possiamo utilizzare il nostro piano tariffario solo per brevi periodi e che dopo 2/3 mesi fuori dal nostro paese, non potremo più usufruire del Roaming EU e verremo tariffati in base alla tariffa consumo del nostro operatore.

Ed è proprio del cellulare dual sim che parliamo oggi e della sua duttilità

I due scenari rendono bene l’idea di come possa delle volte essere davvero di difficile gestione avere due sim e doverle alternare in uno stesso telefono o su due telefoni separati. L’utilizzo di un solo telefono invece pare proprio risolvere questo conflitto.

Il telefono che sto correntemente usando è un OnePlus, una nuova compagnia cinese che sta lavorando benissimo e che sta riscuotendo un successo clamoroso negli ultimi 3 anni tanto che i suoi ultimi modelli, il OnePlus 6 e il nuovissimo OnePlus 7, sono stati paragonati ai vari nuovi iPhones e Samsung con una piccola differenza, costano praticamente la metà.

E allora se un telefono è veloce, performante, ha uno schermo meraviglioso e costa la metà dei Top Mobiles, perché privarsene se soprattutto fa al nostro caso con la sua stupenda feature Dual Sim?

Come funziona un telefono Dual Sim?

Un telefono Dual Sim funziona esattamente come un qualsiasi altro telefono però, in più, come differenza, ha due slot per le sim, significa quindi che puoi inserire nello stesso telefono due schede telefoniche.

Quindi inseriremo la sim italiana e la sim inglese:

  • Le due sim funzioneranno in contemporanea, infatti potrai ricevere chiamate e messaggi su entrambe le sim.
  • Per quanto riguarda invece le chiamate effettuate e i messaggi inviati, ogni qualvolta vorrai chiamare e inviare un messaggio, il telefono ti chiederà da quale delle due sim vorrai che la chiamata venga effettuata o da quale sim il messaggio venga inviato. Per facilitare le cose, potrai decidere di impostare le due sim perché le chiamate e i messaggi escano sempre da un solo numero così non dovrai più decidere di volta in volta (imposta questo settaggio come predefinito solo se starai stabilmente vivendo in UK e non starai usando più il numero italiano per chiamate e messaggi).
  • Puoi continuare a utilizzare il tuo WhatsApp italiano. Che tu voglia ancora avere una sim italiana funzionante o no, puoi comunque decidere di appoggiare il tuo WhatsApp italiano sulla sim inglese così non perderai alcun contatto e soprattutto non sarai costretto a passare a tutti i tuoi amici un nuovo numero WhatsApp).

Con questo articolo spero di aver chiarito un pochino meglio il perché utilizzare un telefono Dual Sim e come potrebbe appunto migliorare la tua esperienza quando viaggi.

E tu, hai mai usato un telefono Dual Sim? Credi sia più comodo avere due telefoni con le due tue sim o averne uno solo con due sim dentro? Raccontaci la tua esperienza nella sezione messaggi qua sotto.

Quale compagnia telefonica Inglese scegliere?

Quale scheda telefonica usare

Vuoi un consiglio su quale compagnia telefonica inglese scegliere?

Hai intenzione di trasferirti o trascorrere un periodo nel Regno Unito? Allora hai certamente bisogno di una scheda telefonica inglese.

Procurarsi un numero telefono inglese è forse la cosa più intelligente che si possa fare quando ci si trasferisce nel Regno Unito. E’ possibile acquistare una SIM inglese nella maggior parte dei negozi, persino nei supermercati o in alcuni distributori automatici come quelli presenti negli aeroporti. La concorrenza tra le compagnie telefoniche inglesi è altissima e ti ritroverai a dover scegliere tra tantissimi provider, prezzi e servizi diversi.

Perché devo comprare una nuova sim se posso usare la mia scheda italiana in Roaming?

Se il tuo intento è quello di rimanere per un breve periodo di tempo (una piccola vacanza) puoi certamente continuare ad utilizzare la tua scheda italiana in Roaming attivando una promozione aggiuntiva che ti permetterà di chiamare i numeri internazionali senza costi aggiuntivi qualora ne avessi necessità.

Se invece la tua idea è quella di trasferirti nel Regno Unito, allora sarà sicuramente necessario acquistare una scheda SIM inglese. Questo non solo darà dimostrazione del tuo desiderio di integrarti nel Regno Unito ma renderà più facili le comunicazioni con le altre persone che avranno un numero inglese.

TI SERVE UN NUMERO DI TELEFONO INGLESE?

Ti è mai capitato di evitare di effettuare una chiamata internazionale per timore di spendere tanto o perché magari non hai sufficiente credito sul telefono? Ebbene, immagina che questo possa capitare a parti invertite. Perché un datore di lavoro o una agenzia immobiliare dovrebbero chiamarti su un numero straniero? Sarà una cosa curiosa ma un datore di lavoro potrebbe scartare la tua candidatura e non offrirti un lavoro se tu hai un numero di telefono italiano. Questo perché se utilizzi un numero di telefono italiano potresti dare l’impressione di non volerti integrare stabilmente nel Regno Unito e ciò potrebbe creare l’idea che tu abbandonerai il lavoro dopo poco tempo risultando per il datore di lavoro uno spreco di tempo e denaro per averti insegnato il lavoro.

Questi sono alcuni dei tanti motivi per i quali conviene sempre attivare un numero di telefono locale quando si intende vivere in un paese estero per diverso tempo.

A proposito di lavoro, ricorda di inserire il numero di telefono inglese nel tuo Curriculum prima di inviarlo o distribuirlo.

Come attivare una sim inglese?

Attivare un numero di telefono inglese è molto più semplice rispetto all’Italia. Molte compagnie permettono di dotarti di un numero di telefono senza contratti da firmare né documenti da consegnare (a meno che non si acquisti un telefono). La SIM normalmente la ordini online con consegna a domicilio o la puoi acquistare presso uno dei rivenditori convenzionati. Una volta ricevuta la sim, devi semplicemente registrarti sul sito del gestore di telefonia e acquistare il credito per il piano telefonico scelto. Facile e veloce.

La soluzione migliore per te che stai decidendo di venire nel Regno Unito è di attivare il tuo numero inglese ancora prima di affrontare il viaggio e ricevere la SIM direttamente a casa tua in Italia. In questo modo non solo sarai ben organizzato per il tuo arrivo nel Regno Unito ma avrai anche la possibilità di inserire il numero di telefono nei Curriculum Vitae sin da subito. La SIM impiegherà circa 3/5 giorni lavorativi per arrivare al tuo indirizzo italiano e circa 5/7 giorni lavorativi per arrivare al tuo indirizzo inglese, quindi valuta bene le tempistiche in base alla tua data di partenza.

TI SERVE UN NUMERO DI TELEFONO INGLESE?

Quale compagnia telefonica inglese scegliere tra le tante esistenti?

Hai l’imbarazzo della scelta: nel Regno Unito ci sono oltre 20 compagnie telefoniche in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza, le principali sono 4 e sono gestori fisici: Three, O2, Vodafone, EE; mentre i gestori virtuali come giffgaff, Tesco, Boots, che sono la maggioranza, offrono ampia scelta tra le promozioni. Noi le compariamo di continuo e siamo dell’idea che giffgaff è la miglior compagnia telefonica inglese, quella ottimale per te che arrivi dall’Italia, anche nel caso dovessi fermati qui per un brevissimo periodo. La attivi in tempi rapidi, è una ricaricabile senza vincoli di contratto e senza costi di recesso. Inoltre è specializzata nelle chiamate internazionali.

Ti riassumiamo punto per punto le caratteristiche della SIM Giffgaff:

  • La SIM è gratuita e la ricevi con 5 euro di traffico incluso.
  • È una delle compagnie con le tariffe più basse.
  • Non hai obblighi di contratto o permanenza.
  • Nessuna penale in caso di recesso (infatti decidi tu se ricaricare una nuova mensilità).
  • Puoi attivare pacchetti su misura per il periodo di un mese.
  • Puoi chiamare i numeri Giffgaff gratuitamente.
  • È specializzata nelle chiamate internazionali (chiamate verso l’Italia – telefoni fissi e cellulari a soli 3 centesimi al minuto.
  • Ha la migliore copertura di segnale sul territorio (si appoggia al provider O2).
  • Il Customer Service è veloce ed efficiente.
  • Puoi ricaricarla direttamente dalla tua carta di credito quindi dal sito Giffgaff o stesso dall’applicazione.
  • Puoi riceverla direttamente a casa tua in Italia e attivarla prima ancora di arrivare nel Regno Unito.
  • Ha una svariata gamma di promozioni adatte a tutte le esigenze.

Giffgaff offre due tipologie di piani – golden Goodybags e Goodybags regolari.

  1. Golden Goodybags: i prezzi vanno dai £10 ai £35. Ogni piano include GB limitati per la navigazione, minuti e messaggi illimitati; sono inclusi anche dati roaming per l’EU fino a 20 BG. Il golden Goodybag ti dà più dati rispetto ai piani regolari. Potrai godere di un maggiore numero di dati solo se salverai un metodo di pagamento automatico mensile.
  2. Goodybags regolari: dai £6 ai £25 con vari piani dati che vanno da 500 Mb a illimitati; per tutti è presente l’opzione delle chiamate e messaggi illimitati per tutto il Regno Unito.

WiFi gratis con giffgaff

Un altro motivo per scegliere giffgaff tra le tante compagnie telefoniche mobili è la possibilità di poter usufruire del Wi Fi attraverso i punti hotspot presenti in giro. Tramite l’applicazione proprietaria è possibile scaricare l’app extra che consente la connessione con le proprie credenziali di login del sito. Se invece si dispone di un telefono con Android 11 si deve far capo alle linee guida presenti sul sito web di Giffgaff.

Se ti è piaciuto il nostro articolo o vuoi chiederci qualcosa scrivi un commento qua sotto o entra nel nostro gruppo Facebook.