Tag Archivio per: United Kingdom

Italiani nel Regno Unito: rimpatriare in Italia. Quali sono i tuoi diritti e doveri?

Ragazza con la valigia in mano

Rimpatriare in Italia rappresenta un momento di rilevanza cruciale per coloro che decidono di tornare al proprio paese d’origine, indipendentemente dalla provenienza, che sia il Regno Unito o altre destinazioni internazionali. Questa guida completa è pensata per assisterti in ogni fase del processo, evidenziando i tuoi diritti e responsabilità per te che hai deciso di tornare in Italia dal Regno Unito.

Copriremo diversi aspetti, dalla documentazione e le procedure burocratiche alle opportunità di lavoro, dall’istruzione all’integrazione nella cultura italiana.

Rimpatriare in Italia

Quando si prende in considerazione di rimpatriare in Italia, è fondamentale comprendere sia i diritti che i doveri associati a questo importante passo. Come cittadino dell’Unione Europea, hai il diritto di vivere e lavorare in qualsiasi paese dell’UE. Tuttavia, se decidi di lasciare il Regno Unito, è obbligatorio informare il governo britannico della tua partenza e della tua nuova residenza.

La procedura per informare le autorità britanniche della tua partenza implica la compilazione di un modulo di notifica di partenza. Questo passo è essenziale per garantire una transizione regolare e richiedere un eventuale rimborso delle tasse pagate in eccesso. Dopo aver informato le autorità britanniche, potrai concentrarti sulla tua nuova vita in Italia.

Inoltre, se hai lavorato nel Regno Unito, è utile sapere che hai diritto a richiedere la disoccupazione per rimpatriati. Questa indennità è prevista per coloro che hanno lavorato all’estero e tornano a vivere in Italia, offrendo un sostegno finanziario durante la ricerca di un nuovo impiego.

Chi Ha Diritto alla Disoccupazione per i Rimpatriati?

Il diritto alla disoccupazione per i rimpatriati è riservato a coloro che hanno lavorato all’estero e ora rientrano in Italia. Tuttavia, esistono requisiti specifici che devono essere soddisfatti per beneficiare di questo vantaggio.

In generale, è necessario aver trascorso un periodo significativo all’estero e soddisfare i requisiti di contribuzione al sistema di assicurazione contro la disoccupazione.

I Requisiti Essenziali

Per ottenere la disoccupazione come rimpatriato, è fondamentale soddisfare alcuni requisiti essenziali:

  1. Essere cittadino italiano o dell’Unione Europea: Garantisce l’accesso a questo tipo di assistenza in Italia.
  2. Aver lavorato all’estero per un periodo di tempo: La tua esperienza lavorativa all’estero è un fattore chiave per determinare se sei idoneo.
  3. Aver deciso di rimpatriare in Italia: La volontà di tornare in Italia è un prerequisito fondamentale.
  4. Come Possiamo Assisterti: La chiave per ottenere la disoccupazione da rimpatriato è avere la documentazione corretta in mano. Siamo qui per aiutarti a recuperare tutti i documenti necessari per fare domanda e assicurarti il sostegno di cui hai bisogno.
  5. Fornire la documentazione richiesta, come una copia del passaporto, della carta d’identità italiana,  della tessera sanitaria italiana e il documento che attesti l’attività lavorativa all’estero.
  6. Notificare la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID) all’ufficio di collocamento competente entro 30 giorni dalla data di rimpatrio. Questo è necessario per avviare il processo di richiesta della disoccupazione per i lavoratori rimpatriati in Italia.

Per ottenere ulteriori informazioni dettagliate sui requisiti specifici e sul processo di richiesta della disoccupazione come rimpatriato, puoi consultare la sezione dedicata sul sito dell’INPS. L’articolo correlato fornisce ulteriori dettagli su come presentare la domanda e quali documenti sono necessari.

Come Fare Richiesta di Disoccupazione per Rimpatriati

Per richiedere l’indennità di disoccupazione per rimpatriati, è essenziale seguire una serie di passi specifici che garantiscono un processo agevole. Questo supporto finanziario è disponibile per coloro che scelgono di rimpatriare in Italia dopo un’esperienza lavorativa all’estero. Ecco come fare richiesta in modo dettagliato.

Innanzitutto, è necessario presentare il DID, ovvero la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al Lavoro, all’ufficio di collocamento italiano competente per territorio. Questo passo deve essere effettuato entro 30 giorni dalla data di rimpatrio in Italia. È importante sottolineare che la richiesta di disoccupazione per rimpatriati non è limitata al solo Regno Unito, ma è valida per chiunque abbia lavorato all’estero.

La procedura richiede la compilazione del modulo di richiesta, insieme alla presentazione della documentazione necessaria. Questa documentazione comprende una copia del passaporto, della carta d’identità italiana, della tessera sanitaria italiana e un documento che attesti la tua attività lavorativa all’estero. Quest’ultimo è costituito da un certificato che viene richiesto all’ufficio tasse del Regno Unito.

Un requisito chiave è l’iscrizione al sistema pubblico di collocamento italiano. Inoltre, devi dimostrare di aver cercato attivamente un nuovo lavoro nei primi sei mesi dal tuo ritorno in Italia. Non soddisfare questo requisito potrebbe comportare un rifiuto della richiesta di disoccupazione.

L’importo dell’indennità di disoccupazione per rimpatriati è basato sul tuo ultimo stipendio percepito all’estero. Inoltre, questa indennità viene erogata per un periodo massimo di sei mesi. Tuttavia, se hai almeno 35 anni di età e hai lavorato all’estero per almeno cinque anni, potresti ottenere un’estensione dell’indennità fino a dodici mesi.

RICHIEDI CONSULENZA DISOCCUPAZIONE

Richiedi Ora

Tassazione per Chi Torna in Italia

La tassazione è un aspetto fondamentale da considerare quando si prende in considerazione il rimpatrio in Italia. Questo paragrafo fornirà una panoramica delle questioni fiscali che potrebbero influenzare la tua decisione e la tua situazione finanziaria. Tieni presente che in futuro pubblicheremo un articolo completo dedicato alla tassazione per i rimpatriati, che fornirà un approfondimento dettagliato su questo argomento.

Quando decidi di tornare in Italia, è essenziale comprendere le implicazioni fiscali che ne derivano. Queste implicano:

  1. Dichiarazione dei Redditi: Quando torni in Italia, dovrai presentare una dichiarazione dei redditi. Questo documento elencherà tutte le tue entrate, consentendo alle autorità fiscali di determinare la tua responsabilità fiscale. È importante essere precisi e completi nella dichiarazione, in modo da evitare problemi futuri.
  2. Imposte sul Patrimonio: L’Italia impone imposte sul patrimonio per i beni detenuti all’interno del paese. Queste imposte variano in base al valore dei tuoi beni e alla loro natura. È importante comprendere come funzionano queste imposte e se possono influenzare la tua situazione finanziaria.
  3. Regolamenti Fiscali Internazionali: Se hai avuto attività finanziarie all’estero, è fondamentale essere a conoscenza dei regolamenti fiscali internazionali. Questi regolamenti possono influire sulle tue obbligazioni fiscali in Italia e potrebbero richiedere la dichiarazione di conti bancari o investimenti all’estero.
  4. Pianificazione Fiscale: La pianificazione fiscale è fondamentale per ottimizzare la tua situazione fiscale quando torni in Italia. Puoi cercare l’aiuto di professionisti fiscali per massimizzare i benefici fiscali e ridurre al minimo le tasse.
  5. Leggi e Regolamenti Aggiornati: Le leggi fiscali cambiano nel tempo, quindi è essenziale mantenerti aggiornato sulle ultime normative fiscali in Italia. Questo ti aiuterà a evitare sorprese e a pianificare in modo adeguato.

Presto pubblicheremo un articolo dettagliato sulla tassazione per i rimpatriati, che approfondirà ulteriormente questi aspetti e fornirà consigli pratici su come gestire le questioni fiscali durante il rientro in Italia. Resta sintonizzato per ulteriori informazioni che possono influenzare la tua transizione.

Alloggi e Sistemazione

Quando pianifichi il tuo rientro in Italia, una delle decisioni da prendere riguarda la scelta dell’alloggio. Questo passo avrà un impatto significativo sulla tua esperienza di rimpatrio, e ci sono diverse opzioni tra cui scegliere, in base alle tue esigenze e ai tuoi piani.

  1. Alloggio Temporaneo: Se non hai ancora deciso definitivamente dove stabilirti, potresti optare per un alloggio temporaneo, come un affitto a breve termine o una residenza temporanea. Questo ti darà il tempo di esplorare le diverse località italiane e decidere dove vuoi stabilirti a lungo termine.
  2. Alloggio Permanente: Se hai già un’idea chiara di dove vuoi vivere in Italia, puoi iniziare la ricerca di un alloggio permanente. Questo potrebbe includere la ricerca di un appartamento in affitto o l’acquisto di una casa, a seconda delle tue preferenze e delle tue risorse finanziarie.
  3. Agevolazioni per il Settore Alloggi: In alcuni casi, potresti essere idoneo a ricevere agevolazioni o benefici legati all’alloggio, soprattutto se hai deciso di stabilirti in aree specifiche dell’Italia o se rientri in determinate categorie, come i giovani o le famiglie.

RICHIEDI CONSULENZA DISOCCUPAZIONE

Richiedi Ora

Servizi Sanitari al Rientro in Italia

Il primo passo per ottenere l’assistenza sanitaria dopo il rientro in Italia è la cancellazione della tua iscrizione all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero). Questa procedura è fondamentale poiché indica il tuo ritorno nel territorio italiano e la ripresa dei tuoi diritti a tutti gli effetti.

Una volta tornato in Italia e avendo stabilito nuovamente la tua residenza, potrai usufruire dei servizi sanitari italiani in conformità con il Sistema Sanitario Nazionale (SSN). Questo sistema offre una vasta gamma di prestazioni sanitarie, garantendo un accesso equo ed efficiente alle cure mediche.

Inoltre, quando rimpatri in Italia, hai diritto a:

  • Visite Mediche e Cura Ospedaliera: Il SSN italiano ti offre l’opportunità di accedere a visite mediche, cure ospedaliere e trattamenti a tariffe agevolate o persino gratuiti, a seconda della tua situazione. Questo contribuisce a garantire un’assistenza sanitaria di alta qualità senza gravare eccessivamente sul tuo bilancio.
  • Farmaci a Costo Ridotto: Grazie al SSN, avrai accesso a farmaci a prezzi agevolati. Questo può ridurre significativamente le tue spese sanitarie, rendendo l’acquisto di medicinali più conveniente e accessibile.
  • Copertura Assicurativa Sanitaria: In alcuni casi, potresti già essere coperto da un’assicurazione sanitaria internazionale, ma verifica se questa copertura può essere trasferita in Italia. In alternativa, considera l’opzione di un’assicurazione sanitaria privata per garantirti una copertura completa e servizi aggiuntivi, come una maggiore flessibilità nella scelta dei medici e degli ospedali.

Cancellando l’iscrizione AIRE e stabilendo nuovamente la tua residenza in Italia, potrai accedere a una gamma completa di servizi sanitari per garantire il tuo benessere. Questo passo è essenziale non solo dal punto di vista burocratico ma anche per la tua salute e tranquillità.

Opportunità di Lavoro in Italia

Dopo il rimpatrio in Italia, molti possono porsi la domanda cruciale: “Dove posso trovare opportunità di lavoro?” La buona notizia è che il Bel Paese offre diverse prospettive lavorative in vari settori. Ecco alcuni punti chiave per aiutarti a esplorare il mercato del lavoro italiano:

  1. Ricerca Attiva: Una volta tornato in Italia, avvia la tua ricerca di lavoro in modo proattivo. Utilizza siti web dedicati, come portali di annunci di lavoro e reti professionali online, per cercare opportunità nelle tue competenze o settori di interesse.
  2. Settori in Crescita: Alcuni settori stanno vivendo una crescita significativa in Italia, tra cui tecnologia, salute, energia rinnovabile e turismo. Investi tempo ed energia nella ricerca di posizioni in queste aree in espansione.
  3. Aggiorna il Tuo Curriculum: Assicurati che il tuo curriculum rifletta le tue competenze, esperienze e obiettivi attuali. La chiarezza e la professionalità del tuo curriculum sono fondamentali per attirare l’attenzione dei datori di lavoro.
  4. Rete di Contatti: Sfrutta la tua rete di contatti locale. Chiedi a familiari, amici e conoscenti se hanno informazioni o opportunità di lavoro. La rete personale può essere una risorsa inestimabile per trovare lavoro.
  5. Impara la Lingua: Se non sei fluente in italiano, considera seriamente di migliorare le tue competenze linguistiche. La conoscenza della lingua è spesso un requisito per molte posizioni e ti aprirà molte più porte.
  6. Adattamento al Mercato: Abbi pazienza e preparati a un periodo di adattamento. Il mercato del lavoro italiano potrebbe avere dinamiche diverse rispetto a quello del tuo paese d’origine.
  7. Consulenza Professionale: Se hai difficoltà a individuare opportunità di lavoro o a capire le dinamiche del mercato, potresti considerare l’aiuto di un consulente del lavoro o un’agenzia di collocamento specializzata.
  8. Startup e Imprenditoria: Se hai aspirazioni imprenditoriali, Italia offre un terreno fertile per le startup. Esplora le possibilità di avviare una tua attività o un’impresa.
  9. Formazione Continua: Investi nella tua formazione continua. Corsi e certificazioni aggiuntive possono aumentare la tua competitività nel mercato del lavoro.

Ricorda che il successo nella ricerca di lavoro richiede determinazione e flessibilità. Sii aperto a opportunità che potrebbero non essere esattamente ciò che avevi in mente inizialmente. Il rientro in Italia può essere un momento eccitante per una nuova fase della tua carriera, quindi sfrutta al meglio le tue risorse e sforzi.

Trasporti al Rientro in Italia

Quando decidi di rientrare in Italia dopo un periodo trascorso all’estero, un altro aspetto importante da considerare è il trasporto dei tuoi beni poiché dovrai decidere cosa portare con te e come farlo in modo efficiente. Ecco alcune considerazioni fondamentali:

  • Selezione dei Beni: Inizia con una dettagliata selezione dei beni che desideri portare con te in Italia. Questo potrebbe includere mobili, oggetti personali, veicoli e altro. Valuta l’importanza di ciascun oggetto e se è più conveniente trasportarlo o sostituirlo in Italia.
  • Opzioni di Trasporto: Esistono diverse opzioni per il trasporto dei tuoi beni, tra cui il trasporto via mare, via aerea o su strada. La scelta dipenderà dalla quantità di oggetti, dalla loro dimensione e dal tuo budget. Ognuna di queste opzioni ha i propri vantaggi e svantaggi.
  • Considerazioni Logistiche: Pianificare i dettagli logistici è essenziale. Questo include la preparazione e l’imballaggio dei tuoi beni in modo sicuro, nonché l’organizzazione del trasporto, la gestione delle tempistiche e la gestione delle formalità doganali, se necessario.
  • Costi Associati: Tieni presente che il trasporto dei beni può comportare costi significativi. Valuta attentamente il budget disponibile e cerca preventivi da diverse aziende di trasporto per ottenere le migliori tariffe.
  • Trasporto del Tuo Amico a 4 Zampe: Se stai portando con te degli animali durante il rimpatrio, assicurati di prendere in considerazione le esigenze del tuo amico felino. Potresti aver bisogno di organizzare una cuccia o un trasportino adeguato e verificare le normative e i requisiti relativi all’importazione di animali domestici in Italia.
  • Assicurazione: È consigliabile assicurare i tuoi beni durante il trasporto, soprattutto se sono di valore. Assicurati di comprendere le condizioni dell’assicurazione e ciò che essa copre.

Mentre queste sono considerazioni iniziali sull’argomento del trasporto al rientro in Italia, ti suggeriamo di esplorare ulteriormente le tue opzioni e pianificare attentamente questa fase.

UK Global Health Insurance Card (GHIC)

Global health insurance card - GHIC

Che cos’è la tessera GHIC UK?

La UK GHIC Card e la Global Health Insurance Card ti consentono di ottenere l’assistenza sanitaria statale in Europa a un costo ridotto o talvolta gratuitamente.

Se possiedi una tessera europea di assicurazione sanitaria (EHIC), questa sarà valida fino alla data di scadenza indicata sulla tessera. Una volta scaduta, dovrai richiedere la nuova tessera GHIC.

 

Nota bene: GHIC e EHIC non sostituiscono l’assicurazione di viaggio.

HAI BISOGNO DI ASSISTENZA PER LA RICHIESTA DELLA GHIC?

Richiedila ora!

Dove puoi usare la tua carta

Per visitare un paese dell’UE:

  • Puoi utilizzare la GHIC card o la EHIC card se viaggi in un paese dell’UE.

Per visitare la Svizzera:

  • Esistono regole diverse per l’utilizzo della carta GHIC o EHIC in Svizzera.

Per utilizzare le GHIC o EHIC in Svizzera, devi essere uno dei seguenti:

  • Un cittadino britannico
  • Un cittadino svizzero
  • Un cittadino dell’UE
  • Un rifugiato
  • Un apolide
  • La persona a carico o superstite di una persona con una di queste nazionalità o status

Per visitare Norvegia, Islanda o Liechtenstein

  • Non è possibile utilizzare la GHIC o la EHIC card per visitare Norvegia, Islanda o Liechtenstein. Avrai bisogno di un’assicurazione di viaggio con copertura sanitaria.
  • Tuttavia è possibile utilizzare un passaporto Britannico per ottenere l’assistenza sanitaria necessaria in Norvegia (ad esempio cure di emergenza o per curare una condizione preesistente).

Come richiedere la carta GHIC

Puoi richiedere la GHIC card sul nostro sito web.

Dovrai fornire il tuo:

  • Nome e cognome
  • Indirizzo
  • Data di nascita
  • Numero di assicurazione nazionale o NHS (Inghilterra e Galles)
  • Numero CHI (Scozia)
  • Numero di sanità e assistenza (Irlanda del Nord)

HAI BISOGNO DI ASSISTENZA PER LA RICHIESTA DELLA GHIC?

Richiedila ora!

Chi può richiedere una nuova EHIC card?

Alcune persone possono richiedere la nuova UK EHIC card che possono utilizzare in Norvegia, Islanda, Liechtenstein e Svizzera, nonché nei paesi dell’UE.

Le persone che possono richiedere la nuova carta includono:

  • Cittadini di UE, Norvegia, Islanda, Liechtenstein o Svizzera che hanno iniziato a vivere nel Regno Unito prima del 1° gennaio 2021 e le loro famiglie.
  • Alcuni pensionati statali britannici che hanno iniziato a vivere nell’UE, in Norvegia, in Islanda, nel Liechtenstein o in Svizzera prima del 1° gennaio 2021 e le loro famiglie.
  • Studenti del Regno Unito che hanno iniziato a vivere e studiare nell’UE, in Norvegia, in Islanda, nel Liechtenstein o in Svizzera prima del 1 gennaio 2021.