Colloquio lavoro - due uomini parlano

Cos’è il redundancy, chi può essere licenziato e quali sono i miei diritti?

Colloquio lavoro - due uomini parlano

La perdita di posti di lavoro sta aumentando perché le aziende risentono degli effetti finanziari della crisi del coronavirus.

Quali sono i tuoi diritti in caso di licenziamento per ridondanza (redundancy in inglese) Nel Regno Unito?

Cos’è il Redundancy?

La redundancy è un termine inglese per indicare il licenziamento dovuto a ragioni economiche o organizzative. Questo può accadere quando un’azienda ha bisogno di ridurre la sua forza lavoro per far fronte a difficoltà finanziarie (licenziamento per riduzione del personale), spesso causate da eventi come la crisi del coronavirus. Non è la stessa cosa che essere licenziati per cattiva condotta e quindi per giusta causa.

Se sei stato colpito dalla redundancy, la legge nel Regno Unito ti protegge. Non importa quanto sia difficile, ci sono regole e regolamenti che i datori di lavoro devono seguire.

Chi può Essere Selezionato per la Redundancy nel Regno Unito?

Quando si tratta della difficile decisione di ridurre la forza lavoro, la selezione dei dipendenti è un passo cruciale. È importante sapere che non si può essere licenziati a cuor leggero. La legge del Regno Unito stabilisce chiaramente i criteri che i datori di lavoro devono seguire, e ci sono alcune regole fondamentali che devono essere rispettate.

Criteri di Selezione: Quello Che Non Conta

Ci sono criteri che assolutamente non possono essere usati come giustificazione per il licenziamento. Questi includono:

  • Età o Sesso: La tua età e il tuo sesso non possono essere motivi validi per la redundancy.
  • Gravidanza: Se sei incinta, il tuo stato non può influenzare la decisione di licenziarti.
  • Appartenenza a un Sindacato: Se sei un membro attivo di un sindacato, questo non dovrebbe costituire una ragione per essere selezionato.
  • Congedo per Ferie o Maternità: Il fatto di aver richiesto un congedo per ferie o maternità non dovrebbe mettere a rischio il tuo lavoro.
Scopri di più  Guida Completa alla Creazione del Curriculum Perfetto: Come Stilare un CV Vincente e Aumentare le Tue Opportunità di Lavoro

Criteri di Selezione Consentiti

I datori di lavoro possono prendere in considerazione criteri legittimi per la selezione dei dipendenti da licenziare. Questi possono includere:

  • Anzianità di Servizio: Il principio “ultimo entrato, primo uscito” è una pratica comune.
  • Registri Disciplinari: Gli incidenti disciplinari precedenti possono influenzare la decisione.
  • Volontari per il Licenziamento: In molti casi, le aziende chiedono ai dipendenti di offrirsi volontari per la redundancy. Tuttavia, la decisione finale su chi viene effettivamente licenziato spetta al datore di lavoro.

È importante ricordare che le regole sono progettate per garantire che la selezione dei dipendenti sia fatta in modo equo e conforme alla legge. I dipendenti dovrebbero sentirsi sicuri che i loro diritti sono protetti durante il processo di redundancy.

Sono in Cassaintegrazione. Posso Essere Licenziato nel Regno Unito?

È una domanda comune, soprattutto in periodi di crisi economica o difficoltà finanziarie. La risposta è che, sì, puoi essere licenziato anche mentre sei in cassaintegrazione nel Regno Unito. La cassaintegrazione, conosciuta anche come “furlough,” è un’azione che può essere presa dai datori di lavoro per ridurre i costi operativi, ma non garantisce la protezione completa del lavoro.

Sebbene sia possibile essere licenziati durante la cassaintegrazione, i datori di lavoro devono rispettare le normative e i diritti dei dipendenti, e devono seguire le procedure corrette. Tutto deve essere fatto in modo legale e in conformità con le leggi sul lavoro del Regno Unito.

Per i dipendenti in cassaintegrazione che si preoccupano di perdere il loro lavoro, è importante essere informati sui propri diritti e avere una conoscenza chiara delle leggi sul lavoro. Potrebbe essere utile consultare un professionista legale specializzato in questioni lavorative per assicurarsi di essere trattati in modo giusto durante questo periodo incerto.

Il mio Datore di Lavoro può Licenziarmi Senza Preavviso?

No!

La quantità di preavviso che riceverai dipenderà da quanto tempo hai lavorato per l’azienda:

  • Almeno una settimana di preavviso se hai lavorato da un mese a due anni
  • Preavviso di una settimana per ogni anno di impiego se hai lavorato da due a 12 anni
  • 12 settimane di preavviso se sei stato impiegato per 12 anni o più
  • In caso di licenziamento hai diritto a una consultazione con il tuo datore di lavoro
Scopri di più  Una settimana a Londra: cosa visitare

Se l’azienda sta tagliando 20 o più posti di lavoro, deve organizzare una consultazione collettiva che coinvolga un sindacato o un rappresentante dei dipendenti. Questo processo di consultazione deve iniziare almeno 30 giorni prima della fine del lavoro di un dipendente. Se sono coinvolti 100 o più lavoratori, la consultazione deve iniziare 45 giorni prima. Il processo di consultazioni verrà attuato anche se la società è insolvente e sta chiudendo definitivamente.

A Quale Indennità di Licenziamento ho Diritto?

Se hai lavorato ininterrottamente per il tuo datore di lavoro per due o più anni, hai il diritto legale di ricevere una indennità di licenziamento. Esiste un minimo legale, ma alcuni contratti di lavoro e datori di lavoro sono più generosi.

L’importo dipende dalla tua età, dal tempo trascorso nell’azienda e dal tuo stipendio. Puoi fare un calcolo approssimativo con il calcolatore del governo. Otterrai almeno:

  • Mezza settimana di paga per ogni anno intero di lavoro quando hai meno di 22 anni
  • Una settimana di paga per ogni anno intero di lavoro se hai tra i 22 e i 41 anni
  • Una settimana e mezza di paga per ogni anno intero di lavoro quando hai 41 anni o più
  • Un datore di lavoro non è obbligato a pagarti più di £ 16.140 o £ 16.800 se ti trovi in Irlanda del Nord

Se vuoi controllare i tuoi diritti, il governo ha un calcolatore di redundancy così come il Money and Pensions Service.

Se hai ancora delle ferie dovute quando parti, hai diritto a essere pagato anche per le ferie arretrate.

Se un’azienda è fallita, il governo stesso potrebbe fornire l’indennità di licenziamento.

Cosa Succede alle Tasse che ho Pagato?

Le prime £ 30.000 di qualsiasi indennità di licenziamento sono esentasse.

Questo importo include tutti i premi aziendali non monetari che fanno parte del tuo redundancy, come un’auto aziendale o un computer. Il loro valore verrà quantificato e aggiunto alla tua indennità di licenziamento.

Scopri di più  Come diventare un lavoratore indipendente

Qualsiasi importo superiore a tale importo verrà tassato.

Ricorda di Verificare le Tue Tasse

Una delle cose importanti da tenere a mente quando sei coinvolto in un licenziamento per redundancy è la gestione delle tasse. Alla fine dell’anno fiscale, che va da aprile a marzo nel Regno Unito, è una buona pratica controllare il tuo stato fiscale per assicurarti di essere nel giusto e se quindi hai pagato l’ammontare corretto di tasse. Questo è particolarmente rilevante se hai trovato un nuovo lavoro nel frattempo.

Quando trovi un nuovo lavoro dopo un periodo di redundancy, il tuo reddito e le tue tasse potrebbero cambiare. Questo può influire sulle imposte che dovresti pagare o sulle imposte che potresti aver pagato in eccesso durante il periodo di disoccupazione.

Se hai pagato troppe tasse durante il periodo di disoccupazione, puoi avere diritto a un rimborso. D’altra parte, se il tuo nuovo stipendio è significativamente diverso da quello del lavoro precedente, potresti dover apportare modifiche ai tuoi codici fiscali o alle detrazioni.

Mantenere un occhio attento sulle tue tasse ti aiuterà a mantenere il controllo sulla tua situazione finanziaria e a evitare brutte sorprese. Se hai domande specifiche sulle tue tasse o hai bisogno di assistenza, leggi il nostro articolo o inviaci una email.

Cerca il tuo Nuovo Lavoro

In caso di licenziamento, è possibile che ti venga concesso un permesso retribuito per cercare un altro lavoro.

Se hai lavorato ininterrottamente per il tuo datore di lavoro per almeno due anni, puoi prenderti il 40% della tua settimana lavorativa libera, ad esempio due giorni su cinque, per partecipare a colloqui.

Il tuo datore di lavoro dovrà pagarti anche per le ore in cui sarai assente per cercare lavoro. Se ti prendi più tempo di quello concesso, il datore di lavoro non sarà tenuto a pagarti le ore in eccesso in cui sei stato assente, anche se alcuni datori di lavoro potrebbero essere più generosi.

Chiunque venga licenziato può avere diritto a borse di studio, prestiti e corsi gratuiti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *